Direct marketing: il diritto di opposizione va rispettato

Direct marketing: il diritto di opposizione va rispettato

Direct marketing, il Garante si pronuncia: il diritto di opposizione degli utenti va rispettato!

Il diritto degli utenti di opporsi all’uso dei dati a fini di direct marketing va rispettato. E i meccanismi di ricezione delle loro istanze devono essere efficienti e presidiati.

È il principio ribadito dal Garante per la privacy che ha ammonito una società per non aver dato riscontro alle richieste di alcuni utenti che non volevano ricevere email promozionali e le ha ingiunto di adottare le misure organizzative necessarie per fornire una risposta immediata a chi si oppone al direct marketing.

Alla società è stato inoltre vietato il trattamento dei dati senza consenso e per le violazioni riscontrate è stata inflitta una sanzione di 30.000 euro.

Il procedimento è scaturito da due reclami con i quali si lamentava la ricezione di email promozionali inviate dalla società, senza consenso e nonostante l’opposizione dei destinatari manifestata via pec.

I reclamanti segnalavano inoltre l’impossibilità di interrompere gli invii tramite il tasto unsubscribe pure presente nelle email e l’assoluta mancanza di riscontro alle loro richieste di esercizio dei diritti.

La società si era difesa sostenendo che il mancato riscontro era dovuto al fatto che la casella di posta pec non era stata monitorata per diversi mesi a causa di problemi organizzativi e che comunque gli utenti avrebbero dovuto esercitare i loro diritti avvalendosi del modulo presente al link “contattaci”, come indicato nell’informativa privacy pubblicata nel sito web. 

Giustificazioni insufficienti secondo il Garante. Dall’esame delle email ricevute dai reclamanti, alcune delle quali risalenti anche al 2018 è emerso infatti che l’unico modo di individuare in maniera certa un canale di comunicazione era l’indirizzo pec, rinvenibile nei pubblici registri.

Infine, il tasto unsubscribe presente in calce alle mail non era comunque funzionante, come dimostrato dal fatto che, nonostante il suo utilizzo uno dei reclamanti aveva continuato a ricevere i messaggi indesiderati.

Il Garante ha quindi ritenuto che l’assenza di indicazioni chiare, all’interno delle stesse email promozionali, sulle modalità per contattare la società, insieme alla mancanza di adeguate misure tecniche e organizzative, che avrebbero dovuto consentire il funzionamento del tasto unsubscribe e il corretto monitoraggio della casella di posta  pec, hanno reso impossibile ai reclamanti di esercitare i propri diritti, comportando  l’invio di comunicazioni promozionali anche in presenza di una espressa opposizione.

Photo by Austin Distel on Unsplash

Michele Mattei

Nato a Tivoli nel 1994, dopo il diploma di maturità scientifica si è laureato in Comunicazione Pubblica e d’Impresa e in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo presso la facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione dell’Università degli Studi di Roma "La Sapienza". Appassionato di storia e aspirante giornalista, attualmente lavora presso un'importante multinazionale di sicurezza.