Arriva il sì per vietare e chiudere gli allevamenti di visoni in Italia

Arriva il sì per vietare e chiudere gli allevamenti di visoni in Italia

Brambilla e Humane Society International si esprimono sulla decisione della Commissione Bilancio: “Una vittoria storica!”

È stato approvato nelle scorse ore dalla Commissione Bilancio del Senato una versione riscritta dell’emendamento dell’Intergruppo parlamentare per i Diritti degli animali che prevede la definitiva chiusura, entro sei mesi, degli allevamenti di animali da pelliccia e un divieto di queste attività nel nostro Paese. In Italia si tratta, di fatto, di dieci allevamenti di visoni ancora formalmente attivi (5 dei quali senza animali) con 14 addetti complessivi, la cui operatività era già stata sospesa fino alla fine del 2021 a causa dell’emergenza COVID. L’emendamento era stato annunciato il 16 novembre scorso dall’On. Michela Vittoria Brambilla, Presidente dell’Intergruppo e della Lega italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente (LEIDAA), durante la presentazione, insieme a Martina Pluda, Direttrice per l’Italia di Humane Society International (HSI), dello studio “L’allevamento di visoni in Italia: Mappatura e prospettive future”, realizzato per conto dell’organizzazione internazionale di protezione animale da Studio Come Srl. per offrire soluzioni concrete per la riconversione degli allevamenti in questione. Ora è attesa entro fine anno l’approvazione della Legge di Bilancio da parte del Parlamento per confermare l’entrata in vigore delle misure contenute nell’emendamento.

L’emendamento approvato prevede:

·         l’immediato divieto di allevare, far riprodurre in cattività, catturare e uccidere visoni, volpi, cani procione, cincillà e animali di qualsiasi specie per la finalità di ricavarne pelliccia;

·         la chiusura degli allevamenti ancora presenti entro il 30 giugno 2022. Gli allevamenti, la cui attività è sospesa fino al 31 dicembre 2021, saranno comunque soggetti al monitoraggio e alle procedure previste dal Ministero della Salute;

·         un indennizzo per le aziende che ancora detengono il codice attività relativo all’allevamento di animali da pelliccia, coperto da un fondo appositamente istituito presso il Ministero delle Politiche Agricole: 3 milioni di euro nel 2022.

L’On. Michela Vittoria Brambilla, Presidente dell’Intergruppo parlamentare per i Diritti degli animali e della Lega italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente (LEIDAA) ha commentato il voto: “In trent’anni di lotta animalista questa è la vittoria più bella. Finalmente un voto parlamentare sancisce lo stop a sofferenze inenarrabili inflitte agli animali in nome soltanto del lucro e della vanità. L’Italia è il ventesimo Paese europeo che introduce divieti o severe restrizioni a questa attività: meglio tardi che mai. Ora attendiamo l’approvazione definitiva della legge di bilancio, ma la volontà politica è stata chiaramente espressa. Si realizza un sogno che le associazioni di protezione animale hanno coltivato per decenni nel nostro Paese e che altrove in Europa, da ultimo in Irlanda e Francia, è già diventato realtà. Voglio ringraziare tutte le colleghe e i colleghi dell’Intergruppo, in particolare la Vicepresidente De Petris che ha fatto proprio l’emendamento e l’ha segnalato alla commissione, i parlamentari che hanno condiviso questa scelta e l’ufficio italiano di Humane Society International che ha promosso lo studio economico i cui risultati hanno costituito la “base” per formulare la proposta. È un grande traguardo, di cui finalmente gioiscono tutti coloro che amano e rispettano gli animali!”

Martina Pluda, Direttrice per l’Italia di Humane Society International afferma: “È un passo cruciale verso una vittoria storica per le associazioni animaliste in Italia, che da anni portano avanti questa battaglia di civiltà. Ci sono ragioni di ordine economico, ambientale, di salute pubblica e non da ultimo di benessere animale per vietare e chiudere gli allevamenti di animali da pelliccia. Siamo felici che il nostro Paese si sia finalmente reso conto che la persistenza di queste attività rappresenterebbe una scelta eticamente inaccettabile e rischiosa per la società che supera i limitati benefici economici che offre alla piccola minoranza coinvolta in questa pratica disumana. Siamo orgogliosi di aver contribuito al raggiungimento di questo traguardo, portando soluzioni concrete che hanno di fatto sancito la fine dell’allevamento di animali da pelliccia in Italia, offrendo allo stesso tempo proposte sostenibili di riconversione. Ringrazio l’on. Brambilla per l’instancabile impegno e tutti i membri dell’Intergruppo parlamentare per i Diritti degli animali per il supporto corale.”

Fonte Immagine: Comunicato Stampa HSI

Michele Mattei

Nato a Tivoli nel 1994, dopo il diploma di maturità scientifica si è laureato in Comunicazione Pubblica e d’Impresa e in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo presso la facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione dell’Università degli Studi di Roma "La Sapienza". Aspirante giornalista appassionato di storia e di sostenibilità, attualmente lavora presso un'importante multinazionale di sicurezza.
Sito web aggiornato in forma aperiodica