Lettera dei Garanti europei alla Commissione Ue

Lettera dei Garanti europei alla Commissione Ue

I Garanti europei scrivono una lettera alla Commissione Ue in materia di responsabilità civile e AI

Il Comitato europeo per la protezione dei dati personali (EDPB) ha inviato alla Commissione Europea una lettera nella quale ha rivolto alcune raccomandazioni riguardo all’Artificial Intelligence Act (AI Act) proposto recentemente dalla Commissione Ue anche richiamandosi al recente parere congiunto adottato sull’AI Act con l’EDPS.

I Garanti europei hanno accolto con favore l’iniziativa, volta ad adeguare le norme in materia di responsabilità civile nell’era digitale e alla luce dell’impiego dell’intelligenza artificiale (IA), ma hanno sottolineato, in primo luogo, la necessità di chiarire i ruoli dei produttori e fornitori di sistemi di intelligenza artificiale utilizzati per incrementare la sicurezza dei dati personali, così da consentire una corretta attribuzione di responsabilità sia in termini di protezione dei dati sia in termini di responsabilità civile. La lettera evidenzia inoltre l’opportunità di assicurare agli utenti la trasparenza riguardo all’impiego di sistemi di AI attraverso idonee informazioni sui meccanismi di elaborazione dei dati.

I Garanti ricordano infatti che, poiché non sempre risulta possibile illustrare in modo chiaro ed esaustivo il funzionamento di sistemi di AI, vi è la necessità di progettare questi sistemi in modo conforme ai principi di protezione dati, verificando costantemente la qualità dei dati e dei processi di elaborazione. In terzo luogo, è essenziale per il Comitato europeo per la protezione dei dati personali la valutazione preliminare della qualità dei dati utilizzati dagli algoritmi.

Per creare un ambiente tecnologico affidabile e limitare gli effetti negativi di decisioni errate, la misurabilità del grado di equità e causalità delle decisioni algoritmiche dovrebbe costituire un pilastro delle nuove regole.

L’EDPB sottolinea, infine, che la nuova normativa sulla responsabilità civile dovrà essere efficace come legislazione a sé stante e non ricalcare semplicemente gli obblighi previsti dal futuro AI Act.

Photo by Adi Goldstein on Unsplash

Michele Mattei

Nato a Tivoli nel 1994, dopo il diploma di maturità scientifica si è laureato in Comunicazione Pubblica e d’Impresa e in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo presso la facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione dell’Università degli Studi di Roma "La Sapienza". Appassionato di storia e di sostenibilità, attualmente scrive articoli per diverse testate e si occupa di volontariato con il Servizio Civile Nazionale in ambito sociale, culturale e ambientale.