Sì alla piattaforma concessioni di beni pubblici, ma più tutele per i dati personali

Sì alla piattaforma concessioni di beni pubblici, ma più tutele per i dati personali

Parere favorevole alla bozza di decreto legislativo che istituisce il nuovo sistema informativo di rilevazione delle concessioni di beni pubblici, il cosiddetto SICONBEP.

Il Garante per la protezione dei dati personali ha espresso parere favorevole alla bozza di decreto legislativo che istituisce il nuovo sistema informativo di rilevazione delle concessioni di beni pubblici, il cosiddetto SICONBEP.

Il testo, predisposto sulla base della legge annuale per il mercato e la concorrenza 2021, introduce una piattaforma telematica che servirà a garantire la massima trasparenza su tutti i rapporti concessori, pubblicando varie informazioni utili come quelle sull’ente proprietario della concessione, le generalità del concessionario nonché durata del contratto, in una prospettiva di tutela e valorizzazione del bene nell’interesse pubblico.

Al fine di bilanciare correttamente il diritto alla protezione dei dati personali e le esigenze di trasparenza, il Garante ha chiesto di introdurre maggiori garanzie nel testo definitivo. Dovranno, ad esempio, essere indicate in maniera puntuale le informazioni da acquisire e pubblicare sul sistema informativo, evitando indicazioni generiche come quelle “minime”, così da non trattare dati non necessari. Dovrà inoltre essere esclusa la pubblicazione di dati dai quali si possano evincere lo stato di salute o la situazione di disagio economico-sociale degli interessati, inclusi i concessionari.

Nel parere, il Garante privacy ha infine segnalato la necessità di prestare particolare attenzione alla definizione delle specifiche tecniche, delle modalità e della tempistica per l’invio dei dati al sistema informativo, eventualmente anche tramite un apposito decreto non regolamentare, nonché di esplicitare il ruolo svolto da tutti i soggetti coinvolti nel trattamento dei dati personali sotteso al funzionamento del sistema informativo e ai relativi obblighi di pubblicità.

Foto di Headway su Unsplash

Michele Mattei

Nato a Tivoli nel 1994, dopo il diploma di maturità scientifica si è laureato in Comunicazione Pubblica e d’Impresa e in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo presso la facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione dell’Università degli Studi di Roma "La Sapienza". Appassionato di storia e di sostenibilità, attualmente scrive articoli per diverse testate e si occupa di volontariato con il Servizio Civile Nazionale in ambito sociale, culturale e ambientale.