E-commerce: 5 mosse per vendere online

E-commerce: 5 mosse per vendere online

L’esperienza internazionale del Gruppo Fintech HiPay mette in luce 5 semplici strategie da attuare per sviluppare il proprio e-commerce online e vendere di più durante il Black Friday, ma non solo

La crisi sanitaria globale ha accelerato la digitalizzazione: molti store fisici si sono dovuti reinventare, approcciandosi quindi al mondo dell’online. Infatti secondo i dati di Confartigianato, prima dell’emergenza solo il 10% delle aziende italiane era presente online. Mentre adesso vi sono 122 mila imprese in più che hanno abbracciato le opportunità del digitale, con un trend di crescita del + 10%

Il desiderio di accrescere il proprio business, anche online, fa emergere la necessità di dover analizzare e tenere in considerazione diversi aspetti fondamentali. In vista del Black Friday e delle feste a seguire, ecco come preparare il proprio negozio online grazie ai cinque suggerimenti e all’esperienza internazionale del Gruppo Fintech HiPay. Step da attuare per ottimizzare l’esperienza di acquisto online degli e-shopper italiani, aumentando la fidelizzazione e la conversione della customer base.

  • Social commerce

Nel nostro paese sono milioni gli utenti attivi sui social media. Per questa ragione lavorare per far crescere il proprio pubblico su questi canali è un ottimo primo passo per aumentare le conversioni del proprio e-commerce. Uno dei vantaggi più significativi del social commerce, infatti, è il coinvolgimento e la portata che le aziende possono ottenere ogni volta che condividono contenuti o mostrano un nuovo prodotto sulle proprie pagine aziendali. Esserci costantemente nel feed di un follower, rappresenta una potente opportunità di branding per trasformare un curioso “seguace” in un fedele cliente.

  • Strategie di Unified Commerce

Il futuro del retail è rappresentato dalla combinazione tra fisico e digitale. Soprattutto in questo periodo di emergenza, dove l’ascesa dell’e-commerce è sempre più rapida, sia nelle grandi società sia all’interno delle PMI, è controproducente non realizzare strategie sulla base del commercio unificato per far crescere il proprio business. Tra i cambiamenti da mettere in atto, il maggiormente performante per entrare nelle logiche dell’unified commerce è l’accorpamento dei vari magazzini in un’unica gestione. Al fine di ottimizzare il controllo dei flussi di merce, indipendentemente dal canale di vendita utilizzato.

  • Servizi MOTO e Click&Collect

Per limitare le interazioni fisiche rispettando le limitazioni governative, i merchant possono attivare servizi come il Click&Collect. Si tratta di uno strumento omnichannel estremamente efficace per aumentare le vendite del brand incrementando il tasso di conversione. Anche il servizio M.O.T.O. (Mail Order Telephone Order) si è dimostrato efficace nella prima fase dell’emergenza. Infatti, l’acquisto tramite telefono o via email rappresenta una modalità di shopping utile anche a quelle attività che hanno dovuto abbassare le saracinesche a causa delle restrizioni.

  • Attenzione alla pagina di pagamento

Tra gli step centrali per offrire un servizio clienti ottimale, l’attenzione a ciò che avviene all’interno della pagina di check-out è una vera e propria leva di fidelizzazione negli e-commerce. Infatti, la costruzione di strategie di marketing sulla base dello storico degli acquisti, insieme al riconoscimento dei clienti indipendentemente dal canale di acquisto oltre al rimborso cross-channel, sono tutte attività user oriented che un merchant dovrebbe offrire ai propri clienti per migliorare la loro esperienza d’acquisto. Tutto questo è possibile attraverso un’attenta analisi dei dati di pagamento, che possono essere messi a disposizione dai migliori payment provider attraverso specifici tool.

  • Il valore delle immagini

Spesso, ciò che distingue un brand da un altro è l’ottima scelta delle immagini. Soprattutto quando il prodotto è altamente ricercato in un determinato periodo, come per esempio accade agli accessori moda o alle decorazioni di Natale.  In ottica SEO, l’ottimizzazione del proprio e-commerce attraverso un’efficace descrizione delle immagini ha un valore fondamentale. Inoltre, le foto dei prodotti sono indispensabili per l’esposizione dei prodotti sui canali social che fidelizzano gli utenti. 

Fonte immagine: Comunicato Stampa HiPay

Michele Mattei

Nato a Tivoli nel 1994, dopo il diploma di maturità scientifica si è laureato in Comunicazione Pubblica e d’Impresa presso la facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione dell’Università di Roma La Sapienza. Attualmente frequenta il corso di laurea magistrale in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo presso lo stesso dipartimento.