Jerusalmi: giovani e sostenibilità le grandi sfide per l’Italia

Jerusalmi: giovani e sostenibilità le grandi sfide per l’Italia

Assiom Forex, Jerusalmi: “Condivido le parole di Visco. Giovani e sostenibilità le grandi sfide per l’Italia”.

“Un discorso consapevole delle difficoltà, ma pieno di fiducia nel nostro Paese che condivido”. Così ha dichiarato l’Amministratore Delegato di Borsa Italiana Raffaele Jerusalmi nel commentare l’intervento al 27mo Congresso di Assiom Forex del Governatore di Banca d’Italia Ignazio Visco.  

“Il Governatore ha sottolineato l’importanza di dare un futuro alle giovani generazioni; obiettivo prioritario, recentemente ricordato anche dal Presidente della Repubblica Mattarella e dal Presidente del Consiglio incaricato, Mario Draghi. Condivido l’urgenza sottolineata dal Governatore; di dotare il nostro Paese degli strumenti necessari per restare competitivi nello scenario globale. In quest’ottica è importante il richiamo alla crescente digitalizzazione della finanza e ai temi della sostenibilità su cui Borsa Italiana è fortemente impegnata”.

“Apprezziamo il riferimento all’aumento delle quotazioni in Borsa degli ultimi anni; anche grazie agli sforzi che abbiamo compiuto per favorire questa tendenza. Va sottolineato lo stimolo dato dal Governatore quando ha ricordato che il nostro spread è ancora doppio di quello di Portogallo e Spagna”.

I punti affrontati da Jerusalmi nel corso della video intervista a Radiocor:
  • Ruolo del mercato dei capitali nella ripresa economica

    “Come ricordato anche dal Presidente Mattarella in occasione della relazione annuale della Consob 2020; il mercato dei capitali giocherà un ruolo fondamentale per la ripresa economica del nostro Paese. Il mercato dei capitali è fondamentale per la crescita economica; e un mercato dei capitali funzionante è alla base del successo delle imprese che operano nel nostro Paese”.

    “Da questo punto di vista Borsa Italiana offre alle aziende numerose soluzioni; che vanno dalla possibilità di raccogliere capitali attraverso emissioni azionarie così come emissioni obbligazionarie, in un mercato aperto a tutti gli investitori internazionali. Borsa Italiana è infatti uno dei mercati più internazionali d’Europa. Tutto ciò consente alle aziende di raccogliere capitali anche in momenti di tensione finanziaria o di crisi; come è stato per esempio dopo la crisi di Lehman così come durante la pandemia. Le aziende che hanno avuto il coraggio di quotarsi nel 2020 hanno ricevuto il conforto degli investitori che le hanno supportate e hanno investito”.

    “Mi aspetto che ciò continuerà anche in futuro, con una migliore canalizzazione dei risparmi degli italiani verso investimenti diretti di questo genere nell’economia reale; cosa che ci vede un po’ indietro rispetto ad altri paese europei”.

  • Le principali sfide da affrontare a livello europeo

    “La Capital Market Union giocherà un ruolo fondamentale perché l’armonizzazione è alla base del successo dei mercati dei capitali e oggi ancora esistono troppe differenze tra tutti i vari mercati, regioni, Paesi europei. Fondamentale anche arrivare a un’armonizzazione fiscale, che oggi non c’è e crea degli effetti distorsivi che non aiutano il mercato dei capitali”.

    “Penso che il cammino verso una maggiore integrazione europea passerà inevitabilmente anche per una standardizzazione degli aspetti fiscali. A quel punto avremo un mercato dei capitali molto efficiente senza costi supplementari dovuti a differenti regole e situazioni”.

    “Credo che da questo punto di vista la strada sia tracciata e bisogna accelerare per raggiungere gli obiettivi il più presto possibile”.

  • Sostenibilità: l’impegno di Borsa nel supportare la crescita sostenibile delle aziende

    “Per Borsa Italiana la sostenibilità è un tema fondamentale. Siamo stati la prima Borsa al mondo a lanciare un Roadshow tra investitori e società quotate dedicato esclusivamente ai temi della sostenibilità. Sempre più spesso gli investitori inseriscono parametri relativi alla sostenibilità nelle loro condizioni e scelte di investimento; diventa quindi fondamentale per le aziende quotate essere sempre più virtuose nel campo della sostenibilità. Solo così possono attirare maggiori investimenti. Per supportare le società in questo ambito; Borsa Italiana ha anche realizzato una guida su queste tematiche per aiutare le società quotate a posizionarsi al meglio”.

    “Mi fa piacere segnalare una delle nostre ultime iniziative, lanciata nei giorni scorsi, la “Sustainable Finance Partnership”; dedicata proprio ai temi della sostenibilità e a cui hanno aderito già 16 Partner di prestigio. E’ un progetto che ha finalità di education che aiuterà ancora di più il mercato italiano a posizionarsi al meglio per cogliere le opportunità della finanza sostenibile. Non dimentichiamo che in questo ambito si è creato un nuovo business come per esempio quello dei Green bond, molto importante a livello globale”.

    “Quindi non è soltanto moda, non è soltanto un leit-motiv privo di contenuti ma è qualcosa di molto concreto; in cui le aziende che saranno in grado di posizionarsi meglio trarranno grandi benefici”.

Foto liberamente tratta da Pixabay

Michele Mattei

Nato a Tivoli nel 1994, dopo il diploma di maturità scientifica si è laureato in Comunicazione Pubblica e d’Impresa e in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo presso la facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione dell’Università degli Studi di Roma "La Sapienza". Appassionato di storia e aspirante giornalista, svolge attualmente attività di consulenza presso clienti pubblici e privati.